Info Utili


Info

La tua prima visita
Alla prima visita raccoglieremo dei dati diagnostici preliminari per determinare l’eventuale necessità di un trattamento ortodontico. Questi dati preliminari includono la storia medica/dentale e l’esame clinico, se necessario effettueremo delle radiografie dei denti e del cranio. I dati diagnostici completi che includono foto del viso e dei denti, i modelli in gesso e le radiografie dei denti e del cranio verranno eseguiti per sviluppare il tuo piano di trattamento.

 

Discussione del Piano di Trattamento
Dopo che avremo valutato i tuoi dati, discuteremo il tuo trattamento nel dettaglio, per quanto riguarda apparecchiature, tempi e costi.

 

Appuntamenti regolari
L’appuntamento per il montaggio dell’apparecchio solitamente necessita di una o due ore. Dopo ti suggeriamo di effettuare incontri ad intervalli di tempo regolari che vanno dalle quattro alle otto settimane per le modifiche all’apparecchio. Questi appuntamenti richiederanno dai pochi minuti fino a mezz’ora e noi faremo ogni sforzo per essere in orario con te e ti chiediamo  la stessa cortesia nei nostri confronti. Se non puoi rispettare un appuntamento, ti preghiamo di farcelo sapere immediatamente poiché potrebbe essere difficile fissarne uno nuovo a breve.

 

Onorario
Il costo del trattamento dipende dalla severità dei problemi del paziente e dal tipo di cura che verrà eseguita. Questa informazione ti verrà fornita in dettaglio quando discuteremo insieme il piano di trattamento.. Il pagamento dell’onorario viene in genere distribuito lungo la durata della terapia e saldato alla fine della stessa. Se le cure ti verranno rimborsate da un’assicurazione privata, ti forniremo tutta l’assistenza relativa. Ti ricordiamo inoltre, che le spese della terapia ortodontica sono detraibili dalle tasse.

 

 

Una funzione importante: La Deglutizione
deg3 deg1
la deglutizione è la funzione che permette a liquidi e solidi il passaggio dalla bocca allo stomaco.La deglutizione ha luogo in tre fasi: ingerimento, passaggio attraverso la faringe, passaggio dall’esofago allo stomaco. Durante queste tre fasi sono coinvolti molti muscoli: la deglutizione si ripete dalle 1.600 alle 2.000 volte al giorno calcolando sia la deglutizione in seguito all’assunzione di cibi e bevande che la deglutizione della saliva.La pressione esercitata dalla lingua ad ogni atto deglutorio è di circa 1 kg, quindi il carico totale giornaliero può arrivare fino a 2 tonnellate!Ecco perché la deglutizione è così rilevante nello sviluppo dell’apparato stomatognatico.

Il processo di deglutizione inizia con la punta della lingua che tocca la papilla retroincisiva superiore. Poi, attraverso una serie di contrazioni dei vari muscoli, i denti entrano in contatto tra di loro, la lingua si appiattisce sul palato, favorendo la progressione del bolo alimentare verso la parte posteriore.

A questo punto il palato molle si solleva e chiude le fosse nasali; contemporaneamente, si chiude la laringe.

Con l’apertura dell’esofago il bolo passa infine dalla faringe all’esofago e da lì nello stomaco.

La Deglutizione Atipica, meglio detta Deglutizione Scorretta
È quella particolare e scorretta deglutizione presente in alcuni bambini e talvolta anche negli adulti, caratterizzata dall’interposizione della lingua tra le arcate dentali.A differenza della deglutizione normale, in cui le labbra sono chiuse, nella deglutizione scorretta le labbra non si chiudono o per farlo i muscoli della faccia sono coinvolti in una contrazione eccessiva e visibile e la lingua si interpone tra i denti, che non sono a contatto. Spesso ne consegue uno scorretto sviluppo delle ARCATE DENTARIE.Questo accade per numerosi motivi, il più frequente dei quali è la presenza di una interferenza (biberon, ciuccio, suzione del dito, ecc…) durante lo svezzamento.Si consiglia fortemente di tenere sotto controllo l’evolversi della deglutizione durante la crescita e, in caso di dubbi, di contattare lo Specialista in Ortodonzia.
Bruxismo
Il bruxismo è il digrignamento notturno ed inconsapevole dei denti tra di loro, dovuto alla funzione eccessiva (parafunzione) dei muscoli della bocca, che spesso avviene durante la fase del sonno o in momenti di forte stress emotivo o fisico. Il bruxismo è una parafunzione, ovvero un’attività involontaria dei muscoli del nostro corpo, che pertanto può passare inosservata anche per lungo tempo, ma della quale si possono riscontrare in tempi brevi i sintomi, che possono essere:

  • Denti dallo smalto scheggiato o usurato e dall’aspetto consunto
  • Smalto che presenta abrasioni, sino ad eventuale dentina scoperta
  • Difficoltà ad aprire la bocca
  • Aumento della sensibilità delle sensazioni di caldo e freddo
  • Dolori alle articolazioni temporo-mandibolari ATM o ai muscoli della mandibola

Le cause del bruxismo sono da ricercarsi anche nello stress psicologico o fisico, pertanto comprendono una grande varietà di situazioni presenti in pazienti di tutte le età, sia che pratichino sport a livello agonistico o conducano uno stile di vita molto stressante.

Articolazioni temporo – mandibolari
Le ATM articolazioni temporo-mandibolari sono un insieme di tessuti fibrosi e ossei incapsulati la cui funzione è quella di permettere il movimento della mandibola lungo tre direzioni: laterale, verticale e orizzontale, oltre che quella circolare, movimento dato dalla somma dei tre precedenti.
Le disfunzioni che riguardano le ATM sono molto varie e complesse, e dipendono da molti fattori. Per questo si consiglia di contattare il proprio Specialista in Ortodonzia per la consulenza e la risoluzione di disfunzioni di questo tipo.
A titolo informativo, si può dire che il sinto- mo più frequente collegato all’infiammazio- ne delle ATM è il dolore alle articolazioni ed ai muscoli della masticazione, che si può estendere fino alla zona dell’orecchio e ge- nerare spasmi a collo e testa. Un altro tipo di segnale d’allarme è dato da un’apertura limitata della mandibola, o la sensazione di click, di schiocchi e scrosci articolari quan- do questa si muove.
Le cause possono essere imputate a un trauma, a una scorretta posizione della mandibola causata da malocclusione che rende dolorosa la deglutizione o la masticazione o, ancora, all’insorgere di artrite. Per risolvere una disfunzione delle ATM si consiglia di prenotare un controllo dal proprio Specialista in Ortodonzia di fiducia, il quale dopo un’attenta analisi e studio degli esami del caso potrà suggerire la terapia più efficace per una tempestiva risoluzione del problema.

Igiene e Salute Orale
Per informazioni in merito all’igiene e salute orale visita la sezione dedicata a questo indirizzo.
© Copyright Ficara Associati - Designed by E-ludo Interactive